01 feb 2015

Il 12° Presidente

Sabato 31 gennaio, Sergio Mattarella nato a Palermo il 23 luglio 1941, è stato eletto Presidente della Repubblica Italiana al quarto scrutinio con 665 voti e diverrà il dodicesimo presidente della Repubblica dal 3 febbraio 2015, dopo il giuramento.
 Quarto figlio di Maria Buccellato e di Bernardo, in gioventù ha militato tra le file della Gioventù Studentesca di Azione Cattolica, del quale fu responsabile  dal 1961 al 1964, e della Federazione Universitaria Cattolica Italiana. Si diplomò al liceo classico e nel 1964 si laureò in giurisprudenza presso l'università La Sapienza di Roma. Fratello minore di Piersanti, che nel 1980 fu assassinato dalla mafia mentre era presidente della Regione Siciliana, è un uomo di lealtà e correttezza, sensibilità e competenza istituzionale e nonché d’imparzialità.

Viene ricordato per le dimissioni il 27 luglio 1990, dall'incarico di ministro della P. Istruzione  per protestare contro la fiducia posta dal governo sul disegno di legge Mammì di riassetto del sistema radiotelevisivo; e per Il Mattarellum , la legge elettorale per le elezioni del 1994, del 1996 e del 2001. Fu molto criticata all’epoca ma è stata poi “rivalutata” e oggi è spesso citata come l’ultima legge elettorale italiana che permetteva agli elettori di scegliere direttamente e con semplicità i loro rappresentanti.
Le prime parole del neo presidente sono state:"PENSO ALLE DIFFICOLTÀ DEI CITTADINI, un pensiero alle speranze e alle difficoltà dei cittadini. Basta soltanto questo» 

2 commenti: